Corsi di Kung Fu per adulti

Come molte arti marziali il Kung Fu è duro e impegnativo e spesso si torna a casa con qualche livido. Ma guardando meglio, senza fermarsi all'apparenza, si riesce a vedere molto altro: la fusione tra grinta ed eleganza, tra tecnica e morbidezza.
All'inizio si devono superare diverse difficoltà, ma poi il riscaldamento pesante, gli esercizi, ogni movimento...tutto diventa sempre più facile, più normale, e ci si ritrova a fare cose che non si sarebbe mai creduto di riuscire a fare.

Non è sempre tutto facile e non tutto si può ottenere da un giorno all'altro. Durante l'apprendimento delle basi, si impara non solo dal Maestro, si osservano i praticanti più esperti con gradi più alti e spesso, si pensa di non riuscire mai ad arrivare al loro livello, ma quando si smette di pensare al lungo percorso che ci aspetta e ci si concentra per far bene ogni movimento, allora arriva la vera crescita. Si annullano i limiti, ci si lancia in ogni nuova sfida Il pensiero "non posso farcela", deve rimanere semplicemente un pensiero irrilevante, perché l'obiettivo "posso farcela" deve prendere il posto di quel pensiero, tenedo in considerazione che anche quei gradi alti all'inizio erano impacciati.
Se non ci si mette in gioco per la paura di fallire non si riuscirà mai a fare niente. Quando si riesce a fare questo, a superare le proprie paure anche i più timidi risuciranno a far uscire la tigre che è in loro.

Un ragazzo o una ragazza che impara a conoscersi, con la pratica e i duri allenamenti, e scopre passo dopo passo la sua forza, acquisterà sempre più fiducia in sé e porterà questa fiducia anche fuori dalla palestra. Non si lascerà mai mettere i piedi in testa, affrontando con tenacia e serenità ogni sfida. Questo è uno dei vantaggi che il Kung fu può offrire: l'autodifesa. La preparazione sia fisica che psicologica ad affrontare eventuali situazioni di pericolo,l'improvvisazione, la consapevolezza di essere in grado di reagire, di non essere una vittima indifesa.

In tutti i suoi anni anni di pratica, il Maestro Bruno Del Vescovo, ha visto ragazzi adattarsi allo stile, dai più spartani ai più fini. Poco alla volta, ognuno di essi, ha imparato la tecnica, l'insieme dei movimenti che, da freddi e impersonali, sono diventati lo specchio del suo carattere.
Bruno ha conosciuto amici e compagni d'armi, con cui superare anche i momenti più duri. Oltre all'individuo infatti è molto importante anche lo spirito di squadra (soprattutto quando si pratica a livello agonistico), la fiducia nel compagno che si allena e combatte accanto ad ogni praticante. Così, oltre alla crescita interiore, personale, si ha anche la crescita del gruppo. All'inizio un insieme eterogeneo di semi-sconosciuti, poi si finisce per diventare una squadra, unita dalla stessa passione.

In questo modo, con la pratica e la fatica, con la fiducia in se stessi e negli altri, si forma il carattere e si riesce, con più serenità, ad affrontare ogni prova della vita.